Danzica o Gdansk: idea per un weekend colorato

Una piacevole scoperta, tra storia e modernità in uno scenario dai mille colori


Tra le tante idee per un weekend alternativo, oggi voglio parlarvi di Gdansk o Danzica in italiano. Chi di voi mi segue sui social conosce già l’amore che provo per la Polonia, paese che ho visitato diverse volte anche per lunghi soggiorni. Nonostante le mie numerose visite, è questo il primo articolo che le dedico e voglio iniziare a raccontarla da Danzica (o Gdansk in polacco). Perché? Prima di tutto perché, della Polonia, è la più recente che ho visitato, poi perché quella che mi ha maggiormente affascinato, in rapporto alle meno aspettative della partenza, rispetto alle più rinomate (e stupende) Cracovia e Varsavia.


MENU’ NAVIGAZIONE ARTICOLO (tempo di lettura 4 minuti)


A proposito di Polonia, potrebbe interessarti anche questo articolo che parla di una bella escursione a Cracovia


DOVE SI TROVA E COME RAGGIUNGERLA

Affacciata sul Mar Baltico, è la più grande città del nord della Polonia e insieme a Sopot e a Gdynia formano la Tripla Città (Trójmiasto in polacco). Raggiungerla dall’Italia è agevole, veloce e abbastanza economico perché ben collegata da diversi voli ogni settimana, gestiti sia da compagnie di linea che non: personalmente mi sono affidato alle low cost company, per l’andata la ormai famosissima Ryanair e per il rientro Wizz Air, che collega molte città del nord-est Europa al nostro paese e la durata del volo è di circa due ore.


Potrebbe interessarti anche questo articolo di Danzica: “A passeggio tra storia, mercatini d’ambra e casette colorate: Danzica”


PERCHÉ SCEGLIERLA

Venni a conoscenza di Gdansk diversi anni fa, parlando con amici polacchi che mi mostrarono alcune foto. A parte il suo nome polacco impronunciabile, mi colpì molto la vivacità delle casette colorate, tipiche di alcune città del nord Europa, e dall’enfasi con cui gli amici mi invitavano a visitarla pur non abitandoci. Solo qualche anno dopo, durante una delle mie tante ricerche di “voli amici” (chiamo tali tutti quei voli a/r sotto i 50 euro :-), che decisi di visitarla: 36 euro a/r da Bergamo è già un buon motivo. E devo ammettere che con il senno di poi sarei stato disposto a spenderne anche di più.

Danzica ha un’atmosfera diversa dalle altre città polacche, è la principale città portuale della Polonia e quindi centro economico di importante rilevanza per il paese. Possiede una storia intensa e travagliata (contesa da svedesi, tedeschi e russi) che ne ha influenzato usanze e cultura e forgiato l’architettura. Ancor oggi capitale mondiale per il commercio d’ambra, con cui mantiene accese le proprie tradizioni, ma con lo sguardo e l’attenzione al presente e al futuro del quale vuole esserne protagonista; i tanti caffè, ristorantini pittoreschi, attività commerciali e turistiche presenti nel centro storico sono la dimostrazione della voglia di Danzica di mostrarsi e farsi conoscere al turismo internazionale.


QUANTI GIORNI e QUANDO

Danzica è una cittadina di circa 500 mila abitanti, decisamente raccolta intorno al suo centro storico, nel quale sono concentrate la principali attrazioni da visitare. Nei dintorni di Gdansk, è possibile inoltre fare alcune escursioni interessanti in giornata.

Decidere quindi quanto trascorrere a Danzica dipenderà da cosa volete fare e vedere; posso suggerirti che se il tuo obiettivo è visitare la sola cittadina polacca sarà sufficiente un weekend (2 giorni), se viceversa hai più giorni a disposizione, potrai spingerti a scoprirne anche i dintorni.

Il nord della Polonia è ovviamente più freddo del clima italiano, ed affacciando sul Mar Baltico possono presentarsi piogge e vento gelido anche nei mesi non invernali. Il mio consiglio è quindi di prediligere la stagione estiva/primaverile inoltrata. Ho visitato Gdansk a fine maggio e a parte una mezza giornata piovosa, le temperature mi hanno consentito di vivere a pieno la mia permanenza all’aria aperta.


IN CHE ZONA SOGGIORNARE

Gdansk si sta affacciando negli ultimi anni al turismo internazionale, aumentando costantemente l’offerta di servizi comprese le strutture ricettive. Non avrai difficoltà a trovare il miglior alloggio in base alle tue esigenze sui soliti motori di ricerca, che sia un hotel, un appartamento o un b&b. L’unico consiglio che sento di darti è di scegliere una struttura centrale (area di Stare Miasto); ti permetterà di visitare comodamente il centro senza utilizzare mezzi pubblici.

LA CUCINA LOCALE

Ho tanti amici stranieri e una particolarità che ci riconoscono (tra le tante) è che in Italia “mangiamo sempre!!!” (come spesso mi dicono), per sottolineare la quantità di ristoranti, osterie, taverne e piccoli locali con cucina presenti nel nostro paese. Direi che i polacchi ci fanno abbastanza concorrenza (in quantità di locali mi riferisco). Danzica, come altri centri storici polacchi, conta un numero impressionante di locali suggestivi pronti a prepararti qualche piatto della tradizione locale e non a qualsiasi ora. I più turistici e suggestivi, ma che mantengono abbastanza fede alle tradizioni culinarie polacche, li trovi lungo la Motlawa (Rybackie Pobrzeże). Ma se hai la pazienza di curiosare tra i vicoli del centro storico, scoprirai locali pittoreschi ricavati dalle cantine di vecchi edifici, ammodernati ed adibiti a ristorantini e taverne.

PRINCIPALI ATTIVITÀ

Come ti dicevo il centro storico, che racchiude i principali monumenti e musei, è l’attrazione principale della città. Passeggiare tra i suoi vicoli acciottolati, contornati da edifici in stile gotico, rinascimentale e barocco, è un’emozione assolutamente da non perdersi. Quando si è stanchi di camminare, ci si può rilassare in uno dei tanti tipici locali lungo la Motlawa (fiume che l’attraversa), gustando qualche prelibatezza della cucina polacca, o ammirare i mille tetti rossi della città dall’alto della sua ruota panoramica.

Nei dintorni di Danzica è possibile dedicarsi ad alcune escursioni come visitare Sopot per esempio, località termale e balneare meta di molti turisti locali, o se sei più incline alla storia recarsi al campo di concentramento di Sztutowo a Stutthof (circa 1 ora da Gdansk), il primo aperto in Polonia nel 1939 e l’ultimo ad essere liberato nel 1945. Se vuoi approfondire le attività da fare a Danzica leggi anche questo mio articolo: Cosa vedere a Danzica. Se invece vuoi affidarti a una guida in città consulta questa dedicata a Danzica, clicca qui.

In questo articolo ho voluto raccontarti perché ho scelto di visitare Gdansk e consigliarti di tenerla in considerazione se vuoi passare un weekend visitando una città diversa dalle solite mete europee.

Sperando ti sia piaciuto, ti invito a lasciarmi un commento o a condividerlo con i tuoi amici.

Buon viaggio!!!

6 Thoughts

  1. Ho letto con interesse il tuo articolo su Danzica e potrebbe essere una prossima meta a Natale 🎄Grazie Traveldiary.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.