Rimborsi viaggi e Corona virus: cosa e come fare?

  • AGGIORNAMENTO 12/03 – condizioni Wizzair
  • AGGIORNAMENTO 11/03 – condizioni Easyjet – condizioni Iberia – condizioni Italotreno

In questi giorni stiamo vivendo in Italia una situazione nuova, alla quale non potevamo essere preparati e che ci vede impegnati, dalle istituzioni ai cittadini, nel fronteggiarla. Il virus Covid – 19, si sta propagando da giorni anche nel nostro paese e incide, inevitabilmente, nelle nostre abitudini quotidiane, compresi gli spostamenti. Anche i viaggi quindi hanno subito una limitazione iniziale, fino al divieto delle ultime ore se non per necessità ed emergenze. La domanda che in tanti ci stiamo facendo è: come comportarsi se abbiamo in programma un viaggio nei prossimi giorni, settimane o mesi? Posso partire o è meglio annullarlo? In caso di annullamento ho diritto ad un rimborso? Come posso richiedere un rimborso del mio viaggio? Cerco con questo articolo di dare qualche informazione utile collegandomi alle fonti che ritengo più attendibili.

Il Decreto

La prima considerazione da fare è che nelle passate settimane fino ad oggi, ad eccezione dei cittadini della iniziale “zona rossa” (parte di nord Italia), la decisione se effettuare o meno un viaggio dipendeva esclusivamente dal buon senso individuale e dalle eventuali limitazioni di ingresso in alcuni paesi esteri. Da oggi invece (10 marzo), con la firma del decreto 9 marzo 2020, il Governo amplia le disposizioni di contenimento della iniziale “zona rossa” a tutto il territorio italiano, limitandone così tutti gli spostamenti dal proprio domicilio ad eccezione di quelli giustificati da motivi di lavoro, necessità o salute.

Ci si aspetta quindi, che le misure di sostegno economiche emanate col decreto del 2 marzo 2020, vengano ampliate per tutti i cittadini del territorio italiano, in virtù dell’ultimo Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 9 marzo 2020, che espande le disposizioni di contenimento della iniziale “zona rossa” a tutto il territorio italiano. Ma cosa prevede il Decreto del 2 marzo 2020 in materia di rimborso spese di viaggio?

In linea generale il decreto (2 marzo) prevede il rimborso per le sole spese di viaggio acquistate da soggetti per i quali è stata disposta una misura di quarantena, il ricovero in struttura sanitaria o la permanenza domiciliare, e solo per quei viaggi all’interno di quel determinato periodo. Rientrano inoltre nelle misure, le persone che hanno acquistato un biglietto con destinazione in paese estero che abbia vietato l’ingresso in seguito all’emergenza (continua a leggere per sapere quali sono).

I rimborsi di cui parla il decreto riguardano esclusivamente le spese di spostamento aereo, marittimo e di terra; tuttavia, riporto in questo articolo anche le possibilità di richiedere e ottenere un rimborso per le spese di alloggio per “cause di forza maggiore”.

Dpcm 9 marzo 2020 – ulteriori disposizioni attuative in materia di contenimento e gestione emergenza Covid 19

Decreto-legge 02 marzo 2020 , n. 9 – Art. 28 – misure urgenti di sostegno per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza Covid 19

Quali paesi esteri hanno introdotto limitazioni?

Diversi paesi stranieri hanno introdotto limitazioni per gli ingressi di cittadini che provengano o che abbiano soggiornato in determinate aree colpite dal virus. Da febbraio, dopo i primi casi positivi al Covid-19, anche l’Italia è rientrata nelle zone colpite, inizialmente solo con alcune regioni del nord, successivamente con tutto il territorio nazionale. La situazione è quindi in continua evoluzione. Per sapere in tempo reale quali paesi hanno adottato limitazioni, potete consultare il sito dell’Unità di Crisi della Farnesina www.viaggiaresicuri.it – di cui esiste anche un’applicazione per iOS e Android, molto più fruibile da mobile.

Come e quando richiedere il rimborso?

Quali sono i termini e le condizioni per richiedere un rimborso totale delle spese di viaggio? Il Decreto specifica che la domanda di rimborso deve essere inoltrata entro 30 giorni dal termine della misura imposta (quarantena, ricoveri, permanenze domiciliari, etc…) dall’annullamento o rinvio dell’evento programmato o dalla data di partenza verso il paese in cui è stato vietato l’ingresso. Entro 15 giorni dalla ricezione, il vettore o l’agenzia deve predisporre o il rimborso integrale o un buono del pari valore da spendere entro un anno. Alcune piattaforme di prenotazione alloggi, compagnie aeree e di trasporti terrestri hanno comunicato le modalità per la richiesta, allineandosi alle disposizioni governative; altre lo stanno facendo o credo lo faranno a breve tutte. Di seguito ne ho riportato le principali, ma essendo una situazione in continuo sviluppo, cercherò di tenere la pagina il più aggiornata possibile.

Alloggi – Rimborsi booking e airbnb

Per le prenotazioni di alloggi, si possono richiedere rimborsi per le cancellazioni “per causa di forze maggiori”; vediamo insieme in quali casi è possibile richiederlo con le due piattaforme più utilizzate.

BOOKING
  • Tutte le prenotazioni effettuate da viaggiatori provenienti dalla Cina continentale o per le strutture situate nella Cina continentalee con check-in il giorno 31 marzo 2020 o in date precedenti.
  • Tutte le prenotazioni con check-in il giorno 3 aprile 2020 o in date precedenti ed effettuate per strutture ricettive situate in, o da viaggiatori provenienti dall’Italia.
  • Tutte le prenotazioni con check-in il giorno 31 marzo 2020 o in date precedenti ed effettuate per strutture ricettive situate in, o da viaggiatori provenienti da, le località di Daegu e Contea di Cheogndo nella Corea del Sud.

La procedura per “cause di forza maggiore” è valida anche per i viaggiatori a cui, avendo visitato un’area colpita dal Coronavirus, è stato in seguito negato l’ingresso al Paese nel quale intendevano recarsi. Oltre alle aree sopramenzionate, le procedure per cause di forza maggiore vengono applicate anche a casi individuali in cui un viaggiatore sia stato impossibilitato a viaggiare/soggiornare (per es. per frequentazione di ambienti infetti in un hotel situato in una zona non menzionata in questa comunicazione)

AIRBNB

Airbnb applica i “Termini delle circostanze attenuanti” che prevedono un rimborso totale per tutte le seguenti casistiche:

Cina Continentale

  • alle prenotazioni effettuate entro il 28 gennaio 2020, con data di check-in entro il 1° aprile 2020, da ospiti provenienti dalla Cina continentale.
  • alle prenotazioni effettuate entro il 1° febbraio 2020, con data di check-in entro il 1° aprile 2020, da ospiti non provenienti dalla Cina continentale per alloggi situati nella Cina continentale.

Italia

  • alle prenotazioni effettuate entro il 29 febbraio 2020, con data di check-in entro il 3 aprile 2020, per tutti gli alloggi in Italia, sia con arrivo da Italia che da altri paesi.
  • tutte le prenotazioni effettuate entro il 29 febbraio 2020 compreso, con data di check-in entro il 3 aprile 2020 compreso, da viaggiatori provenienti dall’Italia, per tutti gli alloggi al di fuori dell’Italia

Corea del Sud

  • alle prenotazioni effettuate entro il 25 febbraio 2020, con data di check-in entro il 23 marzo 2020 per alloggi situati in Corea del Sud.
  • tutte le prenotazioni effettuate entro il 25 febbraio 2020, con data di check-in entro il 23 marzo 2020, da viaggiatori provenienti dalla Corea del Sud, per tutti gli alloggi al di fuori della Corea del Sud.

Altri casi

Si attuano i Termini delle circostanze attenuanti anche a tutti i seguenti casi:

  • Per ottemperare alle restrizioni imposte dalle autorità governative o sanitarie competenti in materia di controllo delle malattie.
  • Per svolgere compiti medici o di controllo delle malattie in relazione all’epidemia di COVID-19.
  • A seguito di cancellazioni di voli o trasferimenti via terra avviate da una compagnia aerea o da un fornitore di trasporto terrestre a causa dell’epidemia di COVID-19.
  • Nel caso di sospetta infezione o diagnosi di COVID-19 confermata da un’autorità medica o sanitaria.

TRENI

Trenitalia ha prorogato i tempi per le richieste di rimborso per annullamento di viaggio, con specifiche modalità (restituzione denaro o bonus da spendere in un anno) in base alla tipologia di treno e viaggio. Vi rimando a questa pagina del sito Trenitalia nella quale sono spiegate le condizioni e le modalità per poterlo richiedere. CLICCA QUI.

Italo ha modificato le proprie condizioni, implementando la possibilità di rimborso per i biglietti acquistati entro il 2 marzo da e per le regioni Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna, e per i biglietti acquistati fino al 9 marzo compreso per tutte le altre tratte sul territorio nazionale. Per le modalità di richiesta rimborso si rimanda alla pagina ufficiale CLICCA QUI.

BIGLIETTI AEREI

Differente è la situazione sul versante biglietti aerei. Alcune compagnie stanno attuando delle misure straordinarie alle normali politiche di cancellazione, altre sono un po’ più lente al recepimento della normativa. Si evidenzia a tal proposito, quanto sostenuto da ENAC (Ente Nazionale Aviazione Civile), tramite comunicato stampa (CLICCA QUI), ovvero il diritto al rimborso del prezzo del biglietto per i casi di cosiddetta “forza maggiore” (come da Regolamento Europeo 261 del 2004), da parte del vettore per: I passeggeri che sono in possesso di biglietto aereo il cui volo è cancellato, i passeggeri che, pur non avendo subito la cancellazione del volo, sono comunque soggetti alle restrizioni di Paesi terzi imposte nei confronti delle persone che provengono o che abbiano soggiornato in Italia negli ultimi 14 giorni e i passeggeri che per ordine delle Autorità sono soggetti a misure di contenimento dell’epidemia da Covid19 e che quindi non possono usufruire del biglietto aereo “.

Va da se che, a seguito delle ultime disposizioni italiane in merito di contenimento, tutti i vettori aerei dovranno allinearsi a quanto indicato da ENAC. Lo stesso ente, consiglia le vie da seguire in caso di pratiche commerciali scorrette o comunque differenti da parte del vettore, CLICCA QUI per conoscerle.

Di seguito invece riporto le informazioni delle principali compagnie aeree.

ALITALIA, sulla sua pagina dedicata, ha adeguato le condizioni necessarie per la richiesta di rimborso considerando solo le aree individuate dal DPCM 08.03.2020, ma ci si aspetta un aggiornamento all’ultimo Decreto del 9 marzo (ampliamento a tutto il territorio nazionale). Vi rimando alla pagina web dedicata dalla compagnia aerea per le condizioni e modalità di richiesta rimborso CLICCA QUI.

AIR FRANCE comunica che, per tutti i voli acquistati prima del 31 marzo e programmati tra il 3 marzo e il 31 maggio, è possibile posticipare il proprio viaggio senza sovra costo e anche per mete diverse o richiedere un rimborso totale che verrà concesso non in denaro, ma in bonus da spendere in un anno. A questa pagina potete compilare la RICHIESTA.

RYANAIR: in seguito al Decreto del 9 marzo, la compagnia low cost ha annunciato oggi (10 marzo) la sospensione dell’intero programma dei voli da e per l’Italia e su tutto il territorio nazionale e più precisamente: dalle 24:00 di mercoledì 11 marzo fino alle 24:00 di mercoledì 8 aprile, sospenderà tutti i voli nazionali italiani; dalle 24:00 di venerdì 13 marzo fino alle 24:00 di mercoledì 8 aprile, sospenderà tutti i voli internazionali da/per l’Italia. Garantiscono il servizio per coloro che devono rimpatriare, mentre è previsto o un rimborso totale o un voucher della somma spesa da spendere entro un anno. Per le info dettagliate CLICCA QUI.

EASYJET: (aggiornamento 11/03) la compagnia bianco arancio, a seguito delle nuove misure stringenti in materia di spostamenti delle autorità italiane, hanno cancellato una serie di voli e implementato nuove misure per rimpatri e rimborsi. In generale la compagnia mette a disposizione voli straordinari da e per l’Italia per garantire il rimpatrio. Inoltre, per chi decidesse di non volare garantisce la possibilità di sostituzione volo o di rimborso. Per i dettagli riguardanti i voli di straordinari d rimpatrio e le modalità di spostamento volo/richiesta rimborso consulta questa pagina CLICCA QUI.

IBERIA: (aggiornamento 11/03) la compagnia spagnola si allinea alla maggior parte delle compagnie proponendo spostamento o rimborso tramite voucher per determinati voli da e per l’Italia come segue:

per i voli da/per Italia (eccetto Milano, Venezia, Torino, Bologna tra il 1° marzo e il 30 aprile è possibile modificare le date o richiedere rimborso tramite voucher; per i voli europei da/per Torino o Bologna tra il 9 e il 31 marzo, puoi modificare le date o richiedere un voucher; per i voli europei da/per Milano o Venezia tra il 9 marzo e il 3 aprile, puoi richiedere la modifica date/percorso o richiedere un voucher.

N.B: tutte le richieste devono essere fatte entro il 15 giugno e i voucher sono utilizzabili fino al 31 dicembre 2020; le condizioni elencate non riguardano i voli dal 3 al 13 aprile, dal 30 aprile al 2 maggio, dal 16 giugno al 30 settembre; dal 9 al 12 ottobre. Per maggiori info ecco la comunicazione ufficiale di Iberia, CLICCA QUI.

WIZZAIR, segue con qualche modifica la politica delle lowcost Ryan e Easyjet. Ai possessori di biglietto di voli cancellati (tutti quelli da e per l’Italia fino al 3 aprile 2020), verrà mandata una notifica che avvisa della cancellazione e proposte tre alternative: spostamento in altra data, rimborso totale in denaro, rimborso del 120% della spesa in voucher della compagnia. Le azioni di scelta possono essere fatte seguendo le istruzioni della mail che si riceve. Qual ora non riceviate la mail potete consultare questa pagina Wizzair CLICCA QUI.

E per tutte le altre compagnie? Al momento la situazione è in continuo aggiornamento e molte compagnie stanno rivedendo le proprie procedure per la richiesta di rimborsi, adeguandosi alla situazione contingente e alle ultime decisioni del governo italiano. Il consiglio è di consultare le pagine delle singole compagnie aeree per conoscere le condizioni proposte. Cercherò di mantenere questa pagina il più aggiornato possibile ai prossimi sviluppi.

Per ogni singola casistica, vi riporto alla pagina del sito di Altroconsumo, che esamina nel dettaglio diverse tipologie di rimborso, dell’evento al biglietto del teatro, dalla prenotazione delle gite scolastiche al pacchetto turistico completo. CLICCA QUI per vederle tutte.

Sono solito chiudere tutti i miei articoli con “Buon Viaggio!!!”, vista la situazione attuale utilizzerò un saluto che possa essere anche un invito al senso di responsabilità individuale per il bene comune.

Questa volta #iostoacasa !!!

2 Thoughts

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.